Chi Siamo

ADMORUN è la storia di una mamma e di una figlia

mamma-figlia-admo
Image icon
«Lo shopping con Titti era una delle cose che mi piaceva di più. Eravamo in via Lecco, a Monza, a guardare le vetrine, quando sentì una pallina nel collo. Da lì gli esami alla tiroide, altri esami ancora, ma non era la tiroide. Non sono bastate la chemioterapia e la radioterapia, non è bastato il mio midollo, che non era compatibile al 100 per cento. Serviva un donatore» Racconta sua mamma Marina.

Per Titti il donatore non si è trovato, ma sua mamma continua a cercarlo.
Per gli altri, per i figli degli altri, per tutti quelli che sono in un reparto di ematologia appesi a una flebo e a un’unica speranza di vita: che si trovi il prima possibile un midollo osseo compatibile.

Marina un giorno trovò nella cassetta della posta la rivista di Admo Lombardia: Titti si era iscritta all’Associazione Donatori Midollo Osseo quando ancora non sapeva che avrebbe avuto bisogno lei di un donatore.

La mamma seguì il suo esempio:

«Non mi bastavano, però, i gazebo in strada per spiegare cosa sia la donazione di midollo osseo. Per far capire alla gente che non è pericolosa, che non è dolorosa, che il midollo spinale non c’entra niente con quello osseo. E che chi dona non corre alcun rischio per la propria salute, ma salva una vita» continua Marina, mamma anche di AdmoRun.

chi-siamo-mamma-runner

Grazie anche all’aiuto dell’Atletica Monza, è nata AdmoRun che è alla sua ottava edizione e che lo scorso anno ha visto partecipare più di 700 runners.

2019-img-12
2019-img-11
2019-img-18

ADMORUN è un appuntamento per runners e non con il fine di coinvolgere il maggior numero di persone in una giornata di festa, per riscoprire l’importanza di una vita sana e a misura d’uomo. Per acquisire maggiore consapevolezza del ruolo di ognuno di noi nella società.

Cardine principale della manifestazione è la cultura del Dono come atteggiamento attivo nella vita di tutti i giorni. Fin dal tardo pomeriggio all’ADMOVILLAGE, nel parco di Villa Reale a Monza, sarà possibile iscriversi al registro dei potenziali donatori di midollo osseo e molto altro. Sono coinvolte tante Associazioni, che aderiscono al progetto con la consapevolezza che essere Donatore non ha confini né limiti, se non la possibilità di informarsi e prendere le proprie decisioni con coscienza.

Image icon
«Per me AdmoRun è un modo per stare ancora con mia mamma. Io ho avuto la fortuna di avere una madre giovane che si è ammalata a 46 anni di una malattia da senior, la leucemia linfatica cronica.
Le cure le hanno regalato solo 10 anni di vita fatti di chemioterapia e di autotrapianto, ma anche di tanta attesa per quel donatore che non è mai arrivato» racconta Elena volontaria ad AdmoRun.
Image icon
«Durante i suoi infiniti ricoveri in ospedale io guardavo la gente per strada, chi si sedeva vicino a me sul treno, chi beveva a fianco a me il caffè al bar e pensavo, magari è lui e non lo sa. Magari lui può salvare mia mamma e… noi torniamo tutti insieme al mare. Se tutti sapessero che donare il midollo è così semplice, ci sarebbero più famiglie al mare».

Correre senza un traguardo non ha senso. Vivere senza la consapevolezza delle scelte non ha senso. Sapere di non essere soli gioca un ruolo fondamentale per raggiungere e superare gli obiettivi, in una corsa o nella vita.

L’abbraccio al traguardo è un gesto naturale, ma spesso racchiude un messaggio e un’emozione che diversamente non possono essere raccontati!

ADMORUN serve a far correre non solo le persone, ma soprattutto l’informazione, perché di donazione di midollo se ne parla sempre poco.